Presentazione de "La prossima vita"

Ho voluto scrivere un romanzo sull'immaginazione, affrontando un tema dell'esistenzialismo che sarebbe stato caro al mio illustre Maestro, Alberto Moravia.
Il tentativo, naturalmente, deve essere visto alla luce della mia esperienza personale di autodidatta, senza alcun richiamo a termini di paragone con il grande scrittore romano che sarebbero impropri e irriverenti.
Il romanzo parte da un evento drammatico, la morte della madre del protagonista, e si sviluppa attraverso trame che intersecano la realtà e l'immaginazione, in un gioco di simbolismi e di riferimenti concreti che il personaggio principale, Leo Ferretti, conduce fino all'estremo della sua coscienza.
E' un romanzo del dolore, muto e inespresso, che alla fine travolge e consuma  l'immaginazione del lettore, divenendone, egli stesso, personaggio aggiunto di una cornice del tempo che può essere, indifferentemente, effettiva o virtuale.

Vittoriano Borrelli
Scopri o acquista"La prossima vita" su:

Commenti