DORIAN GRAY: IL RITRATTO DEL NOSTRO TEMPO


                                                     


Quest’opera di Oscar Wilde, pubblicata nel 1890, è di una straordinaria bellezza narrativa ed è molto più attuale di quanto non lo fosse ai tempi in cui venne divulgata.

Gli aforismi del grande scrittore inglese, riportati nelle premesse dell’opera, sono vere e proprie perle di saggezza, espressioni di verità profonde che lo scorrere del tempo non ha minimamente scalfito.

Tra le tante citazioni meritano una particolare sottolineatura le seguenti:

Coloro che scorgono bei significati nelle cose belle sono le persone colte. Per loro c'è speranza. Essi sono gli eletti: per loro le cose belle significano solo bellezza.”

“La vita morale dell'uomo è parte della materia dell'artista, ma la moralità dell'arte consiste nell'uso perfetto di un mezzo imperfetto.”

Il romanzo è incentrato sulla contrapposizione latente tra ciò che può essere agli occhi dell’artista bello e incontaminato, e ciò che ne costituisce il suo risvolto, ovvero la contraffazione e la corruzione ad opera della coscienza ottusa ed edonistica dell’uomo.

Dorian Gray è un giovane bellissimo che nel fiore della sua innocenza si fa ritrarre dal pittore Basil Hallward in un dipinto che esalterà ancora di più il suo fascino. Cede alla tentazione di Lord Henry Wotton che lo condurrà alla perdizione e alla corruzione. Stringe una sorta di patto con il diavolo: l’eterna giovinezza in cambio dell’invecchiamento del suo ritratto, che imbruttirà registrando tutte le sue nefandezze  e cattive azioni. Preso dal rimorso, colpirà il ritratto con un coltello nell’intento di distruggerlo. In realtà sarà lui a morire, mentre il dipinto sopravviverà riacquisendo tutta la sua bellezza e perfezione.

Da sottolineare gli innumerevoli dialoghi di cui si compone l’opera. E’ una tecnica che Wilde utilizza a più riprese rendendo i suoi personaggi reali e veritieri, testimonianze evocative di una Inghilterra corrotta e decadente.

E’ un romanzo sicuramente da leggere e da conservare nella propria libreria. Una lettura che esalta l’analisi introspettiva e che ha in sé un dono preziosissimo: quello di far riflettere.

Commenti