RIFIUTI SOLIDI LETTERARI

Si dice che la qualità sia più importante della quantità, tanto nelle cose quanto nelle relazioni con le persone. Si è soliti affermare, ad esempio, che nel rapporto genitore/figlio, quello che conta è la qualità dello stare insieme e non la presenza costante dell’uno verso l’altro. Parimenti si usano termini come “qualità della vita”, “amore per la natura”, “ecosistema”, per indicare il benessere interiore che si prova in un certo habitat a prescindere dai propri beni materiali.

Trasferendo, tuttavia, questi concetti nell'ambito della letteratura, il rapporto che ne scaturisce è addirittura capovolto.

Soprattutto di questi tempi la quantità, intesa come maggior numero di copie vendute, sovrasta spesso la qualità dello scritto mietendo le buone produzioni letterarie che vengono sommerse e rese irriconoscibili nel vasto (e incontrollato) panorama letterario.

Schopenhauer, ad esempio, grande filosofo e aforista tedesco dell"800, soleva apostrofare i lettori tendenzialmente propensi alla lettura di libri di bassa qualità:“Per ogni libro degno di essere letto c’è una miriade di cartastraccia”
I maligni sostengono che si tratti semplicemente di un modo per giustificare i propri insuccessi, ma nel pensiero di questo illustre filosofo c'è tanta verità.

La letteratura non è nuova nel partorire scrittori dell’ultima ora o presunti tali che sono riusciti ad imporsi con picchi di vendita straordinari a dispetto della scarsa qualità delle proprie opere.
Le cinquanta sfumature di El James con oltre cento milioni di copie vendute, è l’esempio vivente di quanto il rapporto qualità/quantità sia abbondantemente sovvertito al punto da chiedersi se in questo meccanismo perverso le strategie di marketing siano così determinanti ad offuscare ed orientare le scelte dei consumatori. Pare proprio di sì se all'orizzonte è più che imminente il pericolo di trovarsi di fronte alla quarta edizione dell’opera per la quale resta da scegliere solo … il colore.

Ma i libri “cartastraccia”, per riprendere le parole di Shopenhauer, riescono ad imporsi anche grazie alla notorietà di chi li ha scritti. Paulo Coelho con Undici minuti ha venduto oltre settanta milioni di copie in tutto il mondo. Le vicende della prostituta Sonia sulla misurazione del tempo dell’amore hanno evidentemente catturato l’interesse di molti lettori, forse preoccupati di questo dato statistico non proprio incoraggiante (per il gentil sesso).

Non a caso ho citato questi due libri che hanno come tema  l’eros in tutte le sue sfaccettature (e sfumature).

Il clamore, lo scandalo, l’argomento “scottante”, incuriosiscono molto di più di una storia, anche se ben scritta, dedita a temi che richiedono una predisposizione mentale all'analisi, alla riflessione, alla ponderazione dei significati relazionali del proprio vissuto.

Troppo complicato. Meglio rimanere in superficie e lasciarsi travolgere dall'onda degli slogan, delle immagini che abbagliano e dei rumori che stordiscono.

Miseramente sommersi da questo continuo propagarsi di ... rifiuti solidi letterari.

Commenti

  1. Purtroppo, Vittoriano, non posso che sottoscrivere quanto dice. Reduce dal Salone del Libro di Torino, al quale ho partecipato come editore, non posso che esprimere tutta la mia delusione di fronte a quanto ho visto. Del resto, se lo stand di un "grande" editore propone da una parte i libri di Chiellini e della Pellegrini e dall'altra l'ultimo di Bruno Vespa, quello compreranno i lettori "deboli", quelli che leggono un libro all'anno, per intenderci, o quelli che scelgono automaticamente il bestseller. Io però ho una speranza: che i lettori più "forti", più intelligenti, quelli che rifiutano di farsi omologare, si accorgano sempre più che il mondo dell'e-book offre davvero delle scelte e delle possibilità. Non che non ci siano anche qui tanti "rifiuti solidi", anzi, però ci sono possibilità di esplorazione, di dialogo e di discussione tra lettori, autori ed editori prima impensabili. E anche il piccolo editore può permettersi di pubblicare e di distribuire al mondo i libri in cui crede e che non avrebbe mai la forza di pubblicare e distribuire in cartaceo. Non sarà per oggi né forse per domani, ma potrebbe davvero nascere un nuovo umanesimo. Si può sognare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Piera. Grazie per il commento. Le tue parole infondono speranza affinché "l'altra letteratura", quella sommersa, possa meritatamente guadagnarsi ... un posto al sole. Un caro saluto.

      Elimina

Posta un commento

Posta il tuo commento. Sarò lieto di conoscere la tua opinione.

Post più popolari