RATZINGER, IL VUOTO CHE RESTA


L’annuncio shock di Papa Benedetto XVI delle proprie dimissioni da Pontefice con effetto dalle ore 20,00 del 28 febbraio p.v., ha destato scalpore e sgomento in ogni parte del mondo.

Papa Ratzinger, eletto nel 2005 come successore del compianto Papa Wojtyla, ha giustificato questa sua decisione, -che ha pochissimi precedenti nella storia ecclesiastica-, con l’avanzare dell’età che non gli permetterebbe di  proseguire l’Alta Missione nelle migliori condizioni fisiche.

Questo gesto di abdicazione, che ricorda quello di alcuni pontefici nell'era del potere temporale (l’ultimo caso di dimissioni risale ad oltre sette secoli fa ad opera di Celestino V), merita rispetto pur lasciando più di un dubbio per i tempi, i modi e l’inusualità della rinuncia.

A molti è sorto spontaneo il paragone con Papa Giovanni Paolo II che fino all'ultimo istante, nonostante le precarie condizioni di salute, volle portare a termine il suo pontificato perché, come confidò allo stesso Papa Ratzinger è “una responsabilità unica data dal Signore e che solo il Signore può ritirare".

E’ vero che la grandezza di Papa Wojtyla, che seppe unire le coscienze più contrapposte, raccogliere e avvicinare i giovani alla fede religiosa pur nel rispetto delle sue diverse manifestazioni, avrà rappresentato per il Papa dimissionario un’eredità di gran peso, non scevra di termini di confronto agli occhi e nel cuore dei fedeli di tutto il mondo.

Può anche darsi che il susseguirsi delle vicende sulla pedofilia di alcuni sacerdoti, e da ultimo sul “femminicidio “ denunciato del tutto impropriamente dal parroco di Lerici, hanno destato imbarazzo e disorientamento negli ambienti vaticani, tali da rendere più difficile e conflittuale il sentimento di appartenenza e di identificazione religiosa, già fortemente in crisi per le divampanti disgregazioni sociali.

Si aggiunga il recente scandalo del “Corvo”, ovvero l’indebita sottrazione di alcune carte del Papa ad opera del suo maggiordomo Paolo Gabriele, che avrà probabilmente inferto il colpo finale all'attuale Vescovo di Roma, inducendolo a prendere una decisione “storica” che può anche essere letta come inadeguatezza nell'affrontare le grandi questioni della Chiesa.

Lo stesso discorso di Papa Ratzinger sulle divisioni che deturpano la Chiesa, pronunciato in occasione dell’omelia del mercoledì delle ceneri, sembra fornire motivazioni più ampie di quelle ufficialmente esposte.

Sono dubbi e domande che forse non troveranno risposte, ma che si propagano come una voragine nel vuoto che resta…

Commenti

  1. Si dice "morto un papa se ne fa un altro" a rappresentare la "naturale" consequenzialità degli eventi.
    Personalemente tale rinuncia, a mio avviso, rappresenta un allontanamento della chiesa da qulle che sono le leggi naturali preordinate a cui la chiesa stessa soggiace.

    Tale aspetto mi inquieta poichè evidenzia il ritorno al "dominio temporale della chiesa" poichè vengono introdotte logiche aziendalistiche ( quando lei dice "...essere letta come inadeguatezza nell'affrontare le grandi questioni della Chiesa...).
    In sostanza il Papa si dimette perchè non ha raggiunto gli obiettivi assegnati.

    Che sia uno dei segreti di Fatima??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una chiave di lettura che condivido. Grazie per il commento.

      Elimina

Posta un commento

Posta il tuo commento. Sarò lieto di conoscere la tua opinione.

Post più popolari